Consigli per non perdere alle scommesse
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin

Perchè il 90% delle persone perde alle scommesse sportive? 3 modi per non farlo anche tu7 minuti di lettura

Da anni perdi alle scommesse sportive e dai colpa alla sfortuna? Credi di essere un grande esperto del tuo sport preferito ma non capisci come mai continui ad avere pessimi risultati nel betting? In questo articolo ti diamo 3 semplici consigli per smettere di “giocare” e iniziare a investire sulle scommesse.

NEL 2020 GLI ITALIANI HANNO PERSO OLTRE 700 MILIONI NELLE SCOMMESSE SPORTIVE!

Se hai mai cercato su google “come fare soldi con le scommesse sportive” avrai notato la serie infinita di risposte, come se ci fossero delle formule magiche che, una volta applicate, garantiscono il successo nel betting. Ma se sei utente di Sbostats, sai che non è così. Con Sbostats hai imparato che bisogna cucirsi il proprio abito su misura (e quindi crearsi una strategia ad hoc) che magari può andare bene a te ma non al tuo amico o collega. Solo così puoi provare a smettere di far parte del 90% degli scommettitori che perdono, arricchendo le casse di bookmakers che dal 1998 in Italia vivono appunto sulle credenze sbagliate degli scommettitori di massa.

Come avviene nel mondo del lavoro e delle aziende, riportando il tutto al mondo del betting, la prima cosa che devi imparare è che il periodo di apprendistato è fondamentale per capire quali errori devono essere evitati. Non basta quindi solo la conoscenza dello sport (che siano maggiori come calcio, tennis, basket o di nicchia come ad esempio pallamano o pallanuoto) per poter vincere alle scommesse. I numeri reali del mondo del betting lo dicono forte e chiaro: ogni anno il 90% degli scommettitori italiani (e forse più) perde e nel 2020 i dati ufficiali dei monopoli di stato, parlano di oltre 700 milioni di perdite da parte di chi vede appunto le scommesse come un gioco. Noi ti vogliamo dare 3 consigli pratici su tre macro aree, aiutarti a uscire da quel 90% degli scommettitori perdenti, trasformando così il gioco in un investimento sportivo.

IMPARA A GESTIRE IL TUO CAPITALE

Purtroppo gli italiani sono nella parte bassa della classifica europea quando si parla di gestione delle proprie finanze. E il fatto che chi investe da anni in maniera positiva nel mondo della borsa, stia buttando un occhio al mondo del betting, è un segnale da tenere fortemente in considerazione. Parlando di betting, la prima domanda che devi porti è: “Quanto, esattamente fino all’ultimo centesimo, scommette ogni mese?”.

Ecco perchè a livello pratico, ti consigliamo di tornare alla vecchia e cara carta e penna. Prima di giocare, calcola e segnati la probabilità che la tua scommessa possa essere vincente (100/quota se si tratta di singola). Inizia poi a simulare gli scenari negativi: cosa significa? Scrivi su un foglio quello che potrebbe accadere se la tua scommessa sarà vincente ma anche se dovesse essere (e capiterà) perdente. Solo avendo davanti agli occhi i vari scenari, potrai capire con più facilità quali azioni devi fare per raggiungere l’obiettivo che ti sei prefissato. Meglio quindi scoprire prima su carta (simulando) cosa accade se entri in una serie di lose di fila, ma anche se centri in un filotto di win. 

Gestire sia i momenti negativi che positivi è fondamentale e provare e fare “paper trading” risulterà essere un grande vantaggio quando comincerai col betting “reale”, quando cioè il tuo primissimo obiettivo dovrà essere quello di smettere di ricaricare il tuo conto gioco.

CAMBIA ATTEGGIAMENTO MENTALE

Come dicono molti formatori di successo “tu sei la media delle 5 persone che ti circondano e l’ambiente in cui vivi e operi è fondamentale”. Questa locuzione calza a pennello con quello che succede fra il mondo degli scommettitori e quello dei social network. Nonostante tu possa essere un valido conoscitore di sport e betting, se vieni bombardato ogni giorno con false credenze e false speranze, finirai per crederci o quantomeno per vedere minate le tue certezza positive e questo ti porterà sulla strada sbagliata. Gli “incantatori di serpenti” sono molto abili a cambiare le tue convinzioni, ma quando in ballo ci sono i soldi veri (i tuoi!), come nelle scommesse sportive, quello che conta è il risultato finale. Non farti quindi fuorviare dalle belle parole, visto che nel betting sono solo i fatti a parlare. Come dicono i grandi investitori di successo… “money talks”

Ricordati che l’assetto mentale e la psicologia lavorano sulle emozioni. Quando si perdono soldi nelle scommesse è normale sentirsi arrabbiati, delusi, sconfortati, abbattuti e chi più ne ha più ne metta. Tutte queste emozioni negative continuano a influenzare in maniera appunto negativa le tue azioni di conseguenza quindi i tuoi risultati, in un circolo vizioso da cui è difficile uscirne. Allo stesso modo anche le emozioni positive vanno controllate, per non farsi trascinare dall’entusiasmo rischiando così di non seguire più il tuo “copione”. In medium stat virtus, quindi cerca di riuscire a accettare e gestire le tue emozioni nel breve periodo e vedrai che i risultati nel medio e lungo termine miglioreranno. Ovviamente la gestione delle emozioni non può essere solo testata su carta, ma si imparerà a reagire nel modo corretto solo se quelle emozioni le si proveranno nella realtà. 

Quali consigli pratici possiamo darti? Come detto prima, prendi carta e penna e segna tutte (tutte!) le giocate che fai. A fine di un periodo temporale (un mese? tre mesi? sei mesi?) avrai un bilancio: se è positivo, molto bene, cerca di fare in modo di ripeterlo o migliorarlo. E se invece è negativo? Prendi il tuo stipendio mensile, che è la tua entrata fissa e confrontalo col “segno meno” del tuo mese di betting. Se la percentuale della tua perdita è minimo (ad esempio l’1% o il 2% del tuo stipendio) il tuo rischio è gestibile, ma se la percentuale è molto alta (esempio il 20%) allora si rischia di buttare via soldi inutilmente. Cosa fare? Smetti di scommettere, fermati. Cambia metodo, prova un’altra strategia, fai qualunque cosa per far si che quel numero cambi, perchè se continuerai a fare le stesse azioni, il tuo risultato al 99% non cambierà. E se la nuova azione che hai deciso di compiere è non scommettere più per 6 mesi, per non avere quelle perdite, bene, fallo! Ricordati che le scommesse sono un mezzo e non un fine.

COSTRUISCI LA (TUA) STRATEGIA VINCENTE

Come ti abbiamo detto in apertura, ogni azienda crea il suo il prototipo e il proprio prodotto finale. Lo stesso vale per le scommesse sportive. Ogni investitore nel mondo del betting dovrà studiare e capire quale sia la strategia da attuare. Non migliore in assoluto, ma quella migliore per sè stesso e che quindi si adatti meglio alle sue caratteristiche e ai propri obiettivi. E lo stesso dovrai fare anche tu, se vorrai uscire dal quel famoso 90% di scommettitori perdenti. 

Non copiare a scatola chiusa una strategia solo perchè è vincente per qualcun altro, perché magari per te potrebbe non andare bene. Crea la tua strategia (o le tue strategie in modo da essere pronto nel caso il mercato cambi), testale, migliorale, perfezionale, falle aderire a pieno al tuo mood mentale, alla tua disposizione del tempo durante la giornata e ai tuoi obiettivi finale. Solo così potrai migliorare i tuoi numeri finali, che come ti abbiamo detto sono l’unica cosa che conta, trasformando la tua scommessa in un’entrata economica. 

Anche qui il consiglio pratico è prendere carta e penna: scrivi in modo dettagliato sul tuo taccuino o sul tuo quaderno in cosa consiste la tua strategia attuale, i suoi punti di forza e di debolezza e perchè hai scelto quel tipo di strategia. Scrivi quali sono i parametri che prendi in considerazione per scegliere le partite su cui investire; scrivi in che modalità vuoi fare la tua azione (live? prematch? exchange?) a che quota e con quale stake; scrivi come imposti il tuo money management (strumento imprescindibile e che trovi fra i servizi extra di Sbostats). 

I risultati con quella strategia sono negativi? Non disperare, ricordati che cambiando le azioni hai più possibilità di cambiare i risultati. E quindi chiediti in che modo puoi migliorare la tua strategia e portare così la probabilità dei tuoi pronostici nel lungo periodo, dalla tua parte. Prova a mettere in pratica questi 3 semplici consigli e facci sapere se i risultati delle tue scommesse sono migliorati e quanto.

Sbostats è l’unica piattaforma di dati statistici sulle scommesse sportive al mondo con oltre 50 milioni di risultati salvati. Sbostats ha archiviato per anni ogni singola scommessa sportiva fatta dai bookmakers. Questi dati sono stati analizzati per te dall’algoritmo di Sbostats per farti scoprire cosa succede se inizi a ragionare come un bookmaker e non più come uno scommettitore. Se usi il metodo Sbostats avrai semplicemente più probabilità di vincere alle scommesse sportive e sul nostro blog troverai le risposte alle domande che ti sei sempre posto.

Vuoi leggere altri articoli?

Torna al blog.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Piattaforma di statistica sulle quote d’apertura dei bookmakers e di formazione nelle scommesse sportive che aiutano a scommettere con maggiore consapevolezza.

Luca Camossi

Luca Camossi

Co-founder Sbostats

Scopri il canale YouTube ufficiale

REDAZIONE

Il team di Sbostats

Categorie